nivo slider image nivo slider image nivo slider image nivo slider image nivo slider image nivo slider image nivo slider image nivo slider image nivo slider image nivo slider image nivo slider image

Blog

Uyuni, Bolivia – Un posto in mezzo al nulla

La cittadina di Uyuni è un puntino sulla cartina della Bolivia sudoccidentale. Con una popolazione di poco più di 10.000 abitanti, potrebbe sembrare un luogo inutile da visitare. Tuttavia, è sorprendente sapere che oltre 60.000 turisti  provenienti da tutto il mondo visitano questa cittadina ogni anno. Perché? Per un unico motivo – è ubicata nel deserto salato più esteso al mondo.

Il deserto salato è uno spettacolo. Formato da diversi laghi preistorici, il deserto, detto anche lago salato, è uno spettacolo da includere nel viaggio in Bolivia. La regione è incredibilmente piatta, il panorama è fuori dal comune e potrete cimentarvi in foto incredibili.

Se non ci credete, cercate le immagini del deserto salato di Uyun su Google!

Nel deserto salato vivono diverse specie di fenicotteri e molti altri tipi di uccelli e di fauna selvatica fra cui l’oca e la volpe andina. Nella zona limitrofa si ergono enormi cactus.

Molti dei tour di questa zona comprendono anche la Laguna Verde nella Riserva Nazionale Eduardo Avaroa, la Laguna Colorada situata ai piedi del vulcano Licancabur, e le sorgenti di acqua calda.

Se ne avrete il tempo, vale la pena di visitare il cimitero dei treni, situato a circa 3 km fuori da Uyuni lungo la vecchia strada ferrata. Quando negli anni quaranta le società minerarie fallirono, il sistema di trasporti entrò in disuso e molti treni furono abbandonati. Oggi sono esposti agli elementi e alla ruggine ma sono oggetto di interesse da parte di chi visita la regione.

Inoltre sarà possibile vedere una vecchia locomotiva su Avenida Ferroviario e molti altri relitti ferroviari sparsi per la città. A Uyuni è anche possibile visitare un piccolo museo archeologico e antropologico contenente alcuni teschi e delle mummie.  

Se decidete di recarvi in questa regione ricordate di portare indumenti invernali caldi. Il vento gelido può sorprendere anche il turista più preparato.

I migliori luoghi da visitare a Lima

Lima non è solo una tappa per poi raggiungere altre destinazioni in Perù. La capitale cosmopolita offre molta storia e cultura che vi affascineranno per diversi giorni. E non bisogna dimenticare che la cucina peruviana è rinomata e premiata. Qui di seguito i nostri consigli su cosa vedere quando visitate la sorprendente città di Lina. Non dimenticate di programmare alcune di queste visite quando prenotate il vostro viaggio in Perù.

Centro storico

Il centro storico di Lima sarà sicuramente il momento più importante del vostro viaggio. È Patrimonio dell’UNESCO grazie a vari edifici: la posta centrale, la cattedrale di Lima e il Palazzo presidenziale. Potrete ammirare gli straordinari balconi in legno, far sosta nella Plaza Bolivar per ammirare l’altare dorato di San Pedro e fare poi una sosta rilassante nella piazza centrale di Lima, la Plaza de Armas.

Museo Larco                

Il Museo Larco è stracolmo di arte precolombiana e ubicato in un edificio del XVIII secolo costruito sopra una piramide che risale al VII secolo. Troverete tanta storia e artefatti meravigliosi. Sarete forse sopresi nello scoprire che l’aspetto più noto di questo museo è la collezione di ceramiche erotiche.

Monastero di San Francesco

Il Monastero e la Chiesa di San Francesco, con le sue catacombe, sono una visita interessantissima. Oltre 30.000 persone sono seppellite nelle catacombe ed è possibile visitare la cripta piena di teschi e altri resti umani. L’edificio rappresenta anche un esempio glorioso di architettura coloniale e contiene oltre 25.000 libri, sculture in legno e una grande collezione di dipinti coloniali.

Museo de Oro

Il Museo de Oro di Lima vi permetterà di passare una mattinata o un pomeriggio di grande interesse. Potrete ammirare molti tessuti e decorazioni dell’era precolombiana, taluni dei quali risalgono a oltre 2.000 anni. Contiene anche un’interessante collezione di armi antiche e moderne  e armi da fuoco provenienti da molti continenti.

Parque de la Reserva

Se sarete in città di sera, vale la pena andare a vedere le Fontane Magiche del Parque de la Reserva. Le 13 fontane sono un’aggiunta moderna a molte altre cose tradizionali da fare o vedere in questa città e sono riprese dal Guinness Book of World Records. Vale la pena di visitare Lima la sera tardi per ammirare lo spettacolo della Fonte della Fantasia.

Barranco

A differenza del centro elegante di Lima, Barranco offre un’atmosfera bohémienne. Potrete andare a piedi fino al Ponte dei Sospiri che guarda l’oceano e gustare un caffè in uno dei bar alla moda. Qui potrete visitare il Museo d Arte Contemporanea e il Museo Pedro de Osma.

Sei ottimi motivi per visitare l’Amazzonia peruviana

L’Amazzonia peruviana è un luogo meraviglioso e unico al mondo. In quale altro luogo troverete l’ara gloriosa oppure spiare i delfini rosa nel loro habitat naturale?

Il Perù offre tre punti favolosi da cui partire per visitare la giungla – Puerto Maldonado e la vicina Riserva Nazionale di Tambopata, Iquitos, la famosa città portuale, e la riserva protetta della biosfera di Manu. I mesi più ambiti vanno da giugno a ottobre poiché è la stagione secca per la giungla. Durante gli altri mesi dovete essere preparati a piogge intense e un elevato tenore di umidità. Qualsiasi destinazione sceglierete potrete sicuramente ripartire con dei ricordi indelebili.

Fauna selvatica univoca

La fauna selvatica che vive nella giungla amazzonica peruviana è uno dei motivi per cui i turisti vogliono visitarla. A seconda della destinazione che sceglierete, potrete vedere dei capibara, caimani, tartarughe, pulcinelle del mare, rane velenose,  delfini di acqua dolce, lontre, scimmie, are, orsetti d’America, tapiri, bradipi, tucani, pappagalli, cebi cappuccini, giaguari e altri ancora. E non bisogna dimenticare le coloratissime farfalle delle amazzoni e molti insetti insoliti che vivono in questa zona. Avventurandosi di giorno o di sera potrete provare molte esperienze incredibili.

Flora tropicale

Sarete forse sorpresi nell’apprendere che nella giungla amazzonica crescono moltissime piante con proprietà medicinali incredibili e altre che si trovano solo in questa parte del mondo. In Perù crescono oltre 3.000 specie di orchidee selvatiche. Il trekking nella giungla è un’ottima occasione per esplorare la flora, imparare a conoscere le piante e i prodotti fitoterapici come l’ayahuasca.

Gite in battello

Il Rio delle Amazzoni attira moltissimi turisti. Appena lo vedrete sentirete la sua forza avvincente e capirete perché gli esploratori sono stati attirati da questo corso d’acqua per migliaia di anni. Cercate di immaginare una gita in battello sul Rio delle Amazzoni di notte cercando di individuare i caimani. Potrete anche pescare nelle lagune oppure navigare le acque dei laghi per individuare una miriade di animali dentro e fuori dall’acqua. Tante avventure sono possibili durante la visita della giungla amazzonica.

Camminate nella natura

Potete immaginare una camminata lungo i sentieri vergini della giungla amazzonica? Ci sono tantissime cose affascinanti da scoprire e, con un pizzico di fortuna, potrete vedere qualche scimmia. Non c’è modo migliore per essere in sintonia con la natura di una camminata botanica. La biodiversità della zona è un regalo per i sensi e non bisogna dimenticare i meravigliosi tramonti.

Pernottamenti nel rispetto dell’ambiente

La giungla offre una gamma vastissima di alloggi molti dei quali sono adatti al turismo ecologico. Sono spesso ubicati nel mezzo della giungla permettendo quindi alla fauna di avvicinarsi. Le capanne della giungla con reti antizanzare e menu per la cena con piatti tradizionali sono la norma che chi vuole visitare la Selva. Tutti i tipi di alloggio offrono accesso a delle spedizioni locali, camminate e gite in battello per rendere il soggiorno nella giungla indimenticabile.

Esperienze divertenti

Siete alla ricerca di avventura? Vi piacerebbe sfrecciare nella giungla appesi a una “zip line” oppure navigare il fiume in una kayak? Vorreste visitare un centro di soccorso per lamantino oppure imparare qualcosa della cultura tradizionale delle popolazioni indigene della giungla? Forse vorreste cimentarvi alla pesca in laguna o un camminamento sospesi fra gli alberi? Sono tutte esperienze memorabili.

Il viaggio nella giungla o la navigazione sul Rio delle Amazzoni sono unici e sembrano durare un’eternità circondati da tanta bellezza naturale. Possiamo organizzare un tour adatto al tempo che avete a disposizione e alla spesa prevista. Per ulteriori informazioni siete pregati di contattare Peru InsideOut.

Come programmare il viaggio perfetto in Perù

Il Perù è una destinazione unica nella vita e dovete quindi assicurarvi che il vostro viaggio sia magico e spettacolare come lo immaginate. Essendo esperti di tour in Perù e altri paesi latinoamericani, creati su misura, il personale di Perú InsideOut desidera condividere con voi le loro conoscenze. Eccovi i nostri consigli per preparare un viaggio perfetto in Perù.

  1. 1. Fate le vostre ricerche

Prima di prenotare il viaggio, fate una ricerca per sapere qualcosa di più sulla cultura, la storia e la grande scelta di destinazioni interessanti da visitare. Il Perù è un grande paese e offre percorsi molto interessanti nel deserto, nella giungla, villaggi di montagna e città cosmopolite. È possibile visitare le isole galleggianti, oppure fare trekking lungo il cammino Inca o nei canyon. Quando sapete cosa è disponibile, potrete iniziare a pianificare il vostro viaggio.

  1. Fate la vostra lista peruviana

Una volta ultimata la ricerca, fate una lista delle destinazioni che volete visitare. Desiderate andare a Machu Picchu? Volete visitare la giungla amazzonica? Vi alletta il Lago Titicaca? Volete sorvolare le Linee di Nazca? Una volta deciso cosa volete assolutamente vedere, sarà più facile preparare l’itinerario.

  1. Tener conto dei limiti di tempo

Se prevedete di fare il Cammino Inca fino a Machu Picchu e visitare Lima, Cusco e Arequipa, con gite a Nazca, al Lago Titicaca e le Isole Ballestas, avrete bisogno di un soggiorno un po’ più lungo. Alcuni luoghi richiedono un paio di giorni, mentre altri, come Cusco, richiedono tempo per abituarsi all’altitudine. Le destinazioni che sceglierete determineranno la durata del viaggio.

  1. Riflettere sulla stagione da scegliere

Il Cammino Inca fino a Machu Picchu è chiuso tutto il mese di febbraio, anche se le rovine sono aperte tutto l’anno. Da maggio a settembre è il periodo migliore per visitare il Perù perché è la stagione secca.  Da dicembre a marzo è il periodo delle piogge ma è possibile visitare il paese e avere ottimi ricordi.   

  1. Prendere in considerazione i costi

La spesa deve far parte della programmazione del viaggio. Se volete prendere in considerazione il viaggio in treno fino a Machu Picchu, un giro in barca sul Lago Titicaca, una camminata di 3 giorni fino al Canyon del Colca e il sorvolo delle Linee di Nazca, sarà necessario fare una lista di tutti i costi per essere sicuri di poter affrontare la spesa. Dovrete anche tenere presente il costo dei pernottamenti, dei pasti e avere qualche soldo per dei souvenir.

Quando siete pronti a prenotare, contattate InsideOut e vi prepareremo un piano di viaggio. Offriamo pacchetti oppure piani personalizzati in Perù e saremo felici di consigliarvi.

Come preparare un viaggio perfetto

I viaggi sono divertenti ma a volte qualcosa va per storto ed è quindi importante preparare bene  la vacanza in anticipo. Qui di seguito troverete 5 suggerimenti utili per aiutarvi a programmare un viaggio perfetto.

  1. Decidere dove andare

La cosa più importante è naturalmente scegliere la destinazione. Sognate luoghi lontani come il Perù o la Bolivia? O cercate qualcosa di più vicino? Riflettete a cosa volete visitare e quanto tempo avete a disposizione per il viaggio. Fate una ricerca sulla destinazione e cominciate a programmare lasciandovi ispirare dalla vostra immaginazione.

  1. Verificate i documenti

Controllate il passaporto per essere sicuri che abbia una scadenza dopo il periodo della vacanza. Se avete bisogno di fare domanda per un nuovo passaporto dovete agire per tempo perché la procedura richiede tempo.  Ci sono dei servizi che velocizzano l’iter ma naturalmente con un supplemento di costo. Se pensate di noleggiare un’auto all’estero è forse consigliabile ottenere una patente internazionale. Bisognerà anche verificare se è necessario un visto e quali vaccinazioni sono richieste nel paese che volete visitare.

  1. Previsioni di spesa

Una volta deciso dove volete andare e cosa visitare, dovrete prevedere il costo della vacanza. Preferite un tour personalizzato oppure un’esperienza di gruppo?  Volete viaggiare in modo indipendente o con amici? Esaminate tutte le varie possibilità e valutate i costi con cura. Una volta fatto il preventivo di spesa potete cominciare a pianificare.

  1. Definire l’itinerario

Avendo valutato la spesa, potrete programmare l’itinerario. Fate una ricerca delle città e siti che vi interessano e poi riflettete al modo migliore per sfruttare il tempo a disposizione e la spesa. Siate logici e fissate le date e i tempi di viaggio al meglio. E non dimenticate di lasciare un po’ di tempo per rilassarvi.

  1. Mettere da parte per il viaggio

È importante avere fondi sufficienti per evitare difficoltà una volta in viaggio, prevedendo anche a qualche frivolezza di quando in quando.

  1. Prenotazione dei voli e dei pernottamenti

Avendo definito il momento del viaggio e ottenute le ferie, bisogna prenotare i voli e gli alberghi o dei tour, dopo di che potrete cominciare a preparare nel dettaglio il vostro itinerario.

  1. Informate la banca del viaggio che state per fare

È sempre bene informare la banca e/o l’emittente delle carte di credito del viaggio previsto. Le banche spesso bloccano le carte di credito se vedono dei pagamenti fatti in paesi lontani. Per evitare che i pagamenti siano bloccati per sospetto di attività fraudolenta, avvisate la banca. È davvero spiacevole trovarsi in vacanza all’estero senza avere accesso al denaro o a pagamenti con carta di credito.

  1. 8. Preparatevi per tempo

Fate una lista di quello che può servire con parecchio anticipo per evitare stress prima della partenza.  

  1. Assicurazione viaggio

Forse non ritenete che un’assicurazione viaggio sia necessaria, ma vale la pena informarsi.  A volte le polizze coprono anche il ritardo dei voli e la perdita del bagaglio. Leggete tutte le clausole attentamente per capire tutte le condizioni della polizza. Vale la pena richiedere varie offerte e raffrontarle per trovare quella che meglio si addice al vostro caso.

  1. Divertitevi!

Ora che tutto è pronto, godetevi la vacanza!

Cusco: Koricancha e il Tempio del Sole

Coricancha (che significa cortile dorato) si trova a Cusco e fu uno dei siti più importanti dell’Impero Inca. Si dice che fosse un posto meraviglioso con porte dorate, muri incrostati di smeraldi e cortili pieni di statue d’oro.

All’interno di Koricancha, il the Tempio del Sole era un luogo sacro per gli Inca. Dedicato a Inti, i muri erano laminati d’oro e il tempio racchiudeva una statua del dio sole incrostata di gioielli. La statua era trasportata all’esterno tutti i giorni e poi la sera rimessa all’interno del tempio. Un giardino in oro e argento fu creato in onore di Inti raffigurante un campo di grano, porcellini d’india, uccelli, giaguari, lama, scimmie, insetti e farfalle. Uno spettacolo incredibile. Purtroppo oggi rimane solo una selezione di gambi di grano a testimonianza della venerazione del popolo per il dio sole.

Oltre al Tempio del sole,  Koricancha era composta da altri cinque templi dedicati a Viracocha, il dio creatore, Quilla, la dea della luna, Illapa, il dio del tuono, Cuichu, il dio dell’arcobaleno e Venere, la dea dell’alba. Ogni tempio conteneva una statua in onore del dio, assieme ad artefatti e altri oggetti religiosi.

Si dice che la costruzione originale di Koricancha avvenne su ordine di Pachacuti Inca Yupanqui e la costruzione fu poi ampliata da Maco Capac all’inizio del XII secolo. Il sito voleva raffigurare il sole con raggi che brillavano in tutte le direzioni.

I colonizzatori spagnoli demolirono il tempio e ne usarono le fondamenta per la Chiesa di Santo Domingo nel tentativo di annientare le credenze incaiche. L’oro fu fuso in lingotti che furono rivendicati dal Re di Spagna.

Resta molto poco degli edifici originali o del tempio di Koricancha, a parte delle sezioni delle mura in pietra per le quali gli Inca erano famosi. La loro  arte muraria era all’avanguardia.

Vale veramente la pena di visitare Koricancha e la Chiesa di Santo Domingo per ammirare l’abbinamento dell’architettura incaica e coloniale.

Find us on

We are part of